Come trovare lavoro

Share by:

Come trovare lavoro

Oggi vorrei darvi alcuni consigli su come trovare lavoro.

Dopo 17 anni nella stessa ditta, partendo dalla gavetta (come apprendista) fino ad arrivare a ricoprire il ruolo di amministratore delegato, nell’ anno 2015 mi sono licenziato per vari motivi che non sto qui ad elencarvi e diventato uno dei tanti in cerca di un lavoro, ma come succede a molti non sapevo bene da dove iniziare.

Purtroppo quando stai troppo tempo in un posto ti abitui ad un certo stile di vita e tendi un po a sederti nel senso che ogni giorno sai già cosa ti aspetta e più o meno come andrà a finire, così decisi di cambiare tutto.

Da quando iniziai ad essere disoccupato lessi tante cose, provando ad iscrivermi un po ovunque, poi dopo qualche tempo capii di aver trovato un metodo che mi consentì di trovare diverse opportunità in aziende interessate al mio profilo.

Le dimissioni dalla mia ditta praticamente le diedi a fine dicembre 2015 e da allora fino ad oggi (dopo aver trascorsa 3 mesi negli USA) al mio ritorno sono riuscito a trovare un primo lavoro poi cambiai, non perché mi fosse scaduto il contratto, anzi ero già a tempo determinato con l’azienda, ma era il tipo di lavoro che non collideva con i miei impegni.

Quello che vi dico non è per vantarmi di quanto sono bravo io, lo dico perché ritengo che il tipo di presentazione a partire dalla preparazione di un buon CV, ordinato, di facile comprensione e contenente tutti i dati che una ditta vorrebbe sapere sulla persona che andrebbe ad assumere, sia importante.

Come vi ho già detto, avendo gestito una ditta mia (nel mio piccolo) so quello che un datore di lavoro vorrebbe e soprattutto NON vorrebbe MAI sentirsi dire dal candidato.

Quindi partendo dalla mia esperienza personale ho cercato ed adottato un modello di CV che secondo me poteva essere valido, lo potete scaricare ed utilizzare anche voi dal seguente Link.

Chiave di decrittazione:

!Chtsw0eUIqCXiq0ltsXIb7MH_FKA1OyOXbzzb7f3M7I

Poi dopo averlo compilato per intero in ogni sua parte mi decisi ad iscrivermi alle agenzie di ricerca lavoro più comuni, ve ne elenco alcune;

Infojob

Man at Work

Monster

Helplavoro.it

impiego24

indeed.it

miojob

careerjet.it

jobrapido.com

trenkwalder

Quando ti iscrivi a queste agenzie il lavoro lungo è compilare il CV anche sui loro siti, oltre che inviargli quello già fatto da te.

I risultati comunque ci sono, basta solo non essere troppo schizzinosi e cercare di adattarsi a quello che c’è visto che i tempi in cui viviamo sono quelli che sono…

La mia esperienza personale è stata quella di scegliere un lavoro per l’immediato (anche se avessi potuto ne avrei scelto un’altro) e poi mentre ero li ho continuato a cercare finché non ho trovato qualcosa di più in sintonia con i miei impegni personali.

Ovvio a dirsi che quando ti candidi per un’offerta non è detto che vieni sicuramente contattato, ma una cosa che ha dato una svolta nell’avere più colloqui sia con le agenzie che con le ditte è quello di allegare la lettera di presentazione fatta su misura per ogni annuncio, è un lavoro lungo ma ne vale la pena.

In questa lettera bisogna mettere in evidenza soprattutto il fatto che tu ti sei candidato per l’offerta selezionata perché hai già esperienza in un determinato ambiente lavorativo o puoi mettere a disposizione le tue conoscenze, le tue attitudini e che puoi realmente portare un contributo all’azienda che ti andrebbe ad assumere senza appesantirli di una figura professionale qualunque.

Questa lettera la potete scaricare al seguente Link.

Chiave di decrittazione:

!F_Zwy3GtdoCzuq8-CROJ6iBsIBmqkpQKa5nE6CMFBOw

Per esempio se l’annuncio cerca una figura professionale ad esempio di un saldatore e tu non hai mai usato una saldatrice evita di candidarti, ma se hai fatto qualche saldatura affiancato da un amico, parente o in una qualsiasi altra situazione anche senza essere un super esperto puoi candidarti spiegando che hai già avuto modo di fare quel tipo di lavoro (quindi sai almeno di cosa si sta parlando) e che hai una buona dimestichezza con attrezzi da officina e una ottima predisposizione per migliorare professionalmente al fine di incrementare la propria professionalità e portare un reale vantaggio all’azienda.

Una volta era diverso, c’era molto lavoro fino a metà anni 90 e le aziende cercavano personale molto frequentemente, e la cosa più importante è che c’era la predisposizione in azienda di formare il personale, così che uno potesse imparare un mestiere e diventare bravo nel suo settore, oggi questa situazione è ribaltata e credo sarà sempre peggio, anche se vorrei sperare il contrario, cioè le aziende vogliono gente che sappiano già andare da sole senza perdere tempo in formazione perché ne risentirebbe il fatturato.

Come dicevo prima nell’articolo i responsabili della selezione quando si arriva ad un colloquio fanno caso a:

  • La puntualità, è fondamentale, cercate addirittura di essere li due o tre minuti prima, non di più.
  • Come siete vestiti, dipende dalla posizione che andrete ad occupare, per un lavoro di ufficio è consigliabile usare un pantalone non jeans ed una camicia, poi se servirà vi comunicheranno se dovrete portare giacca e cravatta, per un posto di produzione usate anche un jeans ma che non sia strappato ed una polo o camicia anche qui, insomma siate vestiti casual, senza strafare ne nell’eleganza ne nel trash.
  • Quando vi sedete davanti all’interlocutore cercate di dedicare attenzione guardandolo negli occhi e rimanendo composti, non seduti come se foste in casa vostra sbragati davanti alla TV.
  • Il linguaggio deve essere pulito senza esclamazioni volgari.
  • Durante il colloquio dovrete cercare di interpretare chi avete davanti e capire in base al suo atteggiamento se il colloquio sta andando male o bene.
  • Quando vi fanno domande sulle vostre competenze attenzione a non mettervi TROPPO in mostra decantando troppo la vostra bravura, siate modesti e sinceri, le balle vengono sempre a galla.
  • Siate umili e disposti a fare anche lavori meno prestigiosi di un vostro precedente impiego.

Questi sono solo alcuni consigli, possono sembrare ovvi, ma a volte si possono commettere piccoli errori che pregiudicano un possibile lavoro.

Nel caso stiate lavorando vi posto pure le lettere di licenziamento se vi servissero, con e senza preavviso:

Lettera con preavviso

Chiave di decrittazione:

!nsY8OGslK0GnuZi8OST7K0K-skWkZ1Nku7sOlq-6NBo

Lettera senza preavviso

Chiave di decrittazione:

!0kK6Ys91NXMUWvxgBDuKWKyJehygvIqJzXH_yJf3pSI

Quindi con queste informazioni spero di avervi dato qualche suggerimento in più rispetto al solito.

 

Ciao e al prossimo articolo

 

 

Precedente Consigli utili per acquistare auto usate Successivo Quale cpu scegliere per il proprio computer ?