come rimuovere la ruggine con pochi euro

Share by:

Seguendo questo blog potrai rimuovere la ruggine da qualsiasi superficie metallica con pochissimi EURO.

Se non ti va di leggere puoi seguire il mio video su YouTube:

 

Grazie alle numerose visualizzazioni del mio video realizzato e pubblicato su YouTube, ho deciso di creare anche questo blog, nel quale posso fornire spiegazioni più dettagliate.

Ora, per cominciare, ci serviranno i seguenti prodotti:

rimozione ruggine, come rimuovere la ruggine con pochi euro, rusty, tutorial, fai da te,
rimozione ruggine

materiale per la rimozione della ruggine

Una volta preparato il materiale che servirà potremo passare alla fase successiva, quindi io consiglio di eseguire questo procedimento ALL’APERTO per evitare che i vapori sprigionati dal processo chimico possano saturare l’ambiente chiuso e creare problemi alle vie respiratorie.

Il processo chiamato elettrolisi prevede di rimuovere anche grosse parti di ossidazione da oggetti di ferro come quello usato per questo blog/tutorial, tutto dipende da quanto tempo il pezzo da disossdare resta immerso nella soluzione.

Le specifiche dell’alimentatore usato sono le seguenti:

rimozione ruggine, come rimuovere la ruggine con pochi euro, rusty, tutorial, fai da te,
rimozione ruggine

Naturalmente se volete costruirvelo da soli potrete utilizzare qualsiasi alimentatore di un PC vecchio o nuovo che non usate più, perchè questi alimentatori sono molto potenti a costi relativamente contenuti (quello usato da me l’ho recuperato in discarica da un PC buttato via, quindi 0Euro !!!)

Ora dovete riempire la vaschetta a circa 3/4 della sua capienza con acqua (meglio se l’acqua è distillata (chiamata anche deionizzata) io nel video ho usato acqua del rubinetto che può andare bene ugualmente (0EURO)).

Pendete un cuchiaio normale da pasto e mettete un cuchiaio di soda caustica ogni litro di acqua (io ho messo 4 cuchiai e mezzo perchè ho usato 4 litri e mezzo di acqua).

Ricordate di fare cuchiai un po abbondanti.

A questo punto inserite il pezzo di acciaio nella vaschetta, ricordate che questo acciaio deve essere INOX e non trattato chimicamente altrimenti potrebbero esserci problemi di gas sprigionati MOLTO nocivi alla salute, e fermateli in un qualche modo affinchè non si muovano (l’acciaio NON deve assolutamente andare in corto col pezzo di ferro che immergerete altrimenti si potrebbe rompere l’alimentatore). 

Eseguite i collegamenti come in figura sotto:

rimozione ruggine, rusty, remover, tutorial, come rimuovere la ruggine con pochi euro, tutorial, fai da te, riciclo creativo,
rimozione ruggine

Quindi:

L’alimentatore lo collegate alla presa di rete.

Il polo positivo dell’alimentatore lo collegate al pezzo di acciaio (io ho fatto anche un cavallotto perchè ho usato due pezzi di acciaio)

Il polo negativo lo collegate al pezzo di ferro da disossidare.

La vaschetta deve essere già con l’acqua al suo interno e la soda caustica versata in essa.

N.B. 

Ricordate che il pezzo  di ferro deve essere immerso in acqua ma non a contatto con l’acciaio. 

Ora vediamo com’è il pezzo PRIMA della disossidazione:

rimozione ruggine, rusty, remover, come rimuovere la ruggine con pochi euro, tutorial, fai da te, riciclo creativo, riciclo,
rimozione ruggine

(Questo è un tubo arrugginito di una caldaia che perdeva acqua e si è bucato, quindi è stato sostituito)

Ora accendiamo l’alimentatore ed aspettiamo circa un’ora e durante il processo di disossidazione potremo vedere le bollicine di reazione all’interno della vaschetta:

rimozione ruggine, come rimuovere la ruggine con pochi euro, tutorial, fai da te, rusty, remover, riciclo creativo,
rimozione ruggine

Lasciamo agire, ma se vediamo che le bollicine non escono più prima della fine del processo, bisogna aggiungere un pò di soda caustica.

rimozione ruggine, come rimuovere la ruggine con pochi euro, tutorial, fai da te, riciclo creativo,
rimozione ruggine

Dopo circa un’ora possiamo spegnere l’alimentatore ed estrarre il pezzo di ferro dalla vaschetta, con una spazzola di ferro bisognerà rimuovere energicamente la ruggine rimasta attaccata, fino a che il pezzo non sarà ritornato nel suo stato originale, come in figura successiva:

rimozione ruggine, come rimuovere la ruggine con pochi euro, tutorial, rusty, remover, riciclo creativo, fai da te,
rimozione ruggine

Il tocco finale sarà quello di passare sul pezzo con un pennellino uno strato di OLIO (di qualsiasi tipo) che impedirà una nuova ossidazione.

Spero che questo blog vi sia stato di aiuto per capire alcuni passaggi poco chiari dal video.

RICORDATE CHE NON MI ASSUMO RESPONSABILITA’ PER DANNI O PROBLEMI DI SALUTE DERIVANTI DA TECNICHE DIFFERENTI DA QUANTO DESCRITTO SOPRA.

Utilizzate sempre i guanti per proteggervi le mani, occhiali di protezione per gli occhi ed una mascherina contro i vapori sprigionati.

Grazie per la lettura e al prossimo blog.

 

Precedente Scratching post small table Successivo scarpiera ricavata da pallet

2 commenti su “come rimuovere la ruggine con pochi euro

  1. stefano il said:

    Molto interessante è una ottima soluzione mi cimenterò per provarlo.

    Potrebbe funzionare anche con l’alluminio ossidato o è una cosa applicabile solo sul ferro?

    • zodadesign il said:

      Io l’ho testato su molti pezzi in ferro ed ha funzionato molto bene, non so se può funzionare anche su alluminio ossidato, è una cosa da provare.

I commenti sono chiusi.